Ceramiche La Grotta



Zuppiera con coperchio

» Vedi la scheda



Perla Studio - media agency

Visitatore n. 289993

LA CERAMICA "LA GROTTA"
Grottaglie, ricca di abbondanti banchi d'argilla, ebbe fin dai tempi più remoti un ceto numeroso specializzato nell'arte della ceramica e trasse dalle viscere della terra di che sopravvivere, spesso a costo di una vita di sacrifici e di stenti: talora una maggiore industriosità, ed un pò di fede, sono state premiate con il vero benessere.

Questo ceto era denominato con un termine antico, dei "caminari". Secondo qualche studioso, la parola deriva da Camene, le dee dell'arte, mentre secondo uno studioso di Francavilla Fontana (BR), vissuto tra il 1850 e il 1900 circa, il termine "caminari" deriva da "camini", cioè "comignoli, fumaioli".

L'argilla non è oro, ma è facilmente trasformabile in oro per le sue preziose e insostituibili applicazioni pratiche. L'arte asseconda, idealizza la materia e la converte in gentilezza per la casa umile ed in fulgore per il palazzo principesco. La ceramica è fra le arti del fuoco la più vaga ed attraente; è stata è sarà la compagna dell'uomo dalle origini alla sua scomparsa, ed è soprattutto un'arte, dunque un'attività dello spirito. Ma oggi, nell'epoca della rivoluzione informatica, queste attività sono fortemente penalizzate dalla sfrenata meccanizzazione; tuttavia non credo che sarà mai possibile sostituire la mano dell'uomo, e cioè la sua presenza attiva, creatrice: i computer, immense banche dati, sono capaci di guidare sofisticati macchinari, e di imprimere alla produzione un ritmo non certo raggiungibile dall'uomo: ma appunto disumano.

Ed è nell'artigianato che, in contrapposizione alla smisurata produzione industriale, alberga la fiamma vitale creatrice, dell'uomo comune: non del grande artista, non del genio capace di interpretare le grandi sagome della storia, ma del piccolo industrioso artigiano, che si affida alla maestria conquistata con secolare esperienza, in cui si condensa la propria vita e di chi lo ha preceduto; questo lavoro lento, che ha gli stessi ritmi biologici della natura, a misura d'uomo, non sarà mai sostituibile dalla produzione in serie, lì ci sarà il segreto della bellezza non riproducibile, la sorpresa del risultato di tanto affanno. Nel libro dei morti custodito negli archivi della Collegiata di Grottaglie, compare il cognome "Della Grotta" nel 1601. Ma esso, palesemente legato al toponimo Grottaglie, e alla peculiare caratteristica del territorio circostante, le grotte, è certamente più antico. Nella tradizione degli atti notarili, quando si indicava un possessore di grotte si intendeva possessore di una fabbrica di ceramica. E dunque sin dalle origini il nome "Della Grotta", porta in sé i segnali dell'appartenenza al nostro territorio, dal punto di vista della conformazione geografica, e da quello dell'arte.
UN ARTIGIANATO CHE VIENE DA LONTANO
Antonio Ciro La Grotta (1836) dall'unione con Maria Teresa Rosati nacquero: Giovanni La Grotta (1874 - 1939); Michele La Grotta (1876 - 1957); Francesco Giuseppe La Grotta (1882 - 1950), maestro "capasonaro". Quest'ultimo, nel 1909 sposò Maria Mutata D'amicis (1890 - 1984), dall'unione nacquero quattro maschi e quattro femmine; nel 1914 nacque Francesco, nel 1919 Ciro, nel 1922 Vincenzo, nel 1926 Ciro. Tutti e quattro i maschi hanno lavorato nella bottega diventando maestri tornianti; dal 1950 al 1985 l'ultimo nato, Ciro, diventò titolare della bottega perfezionando la produzione curandola particolarmente nelle forme e nei rivestimenti, riscontrando notevole successo in campo locale e nazionale.

Dal matrimonio con Giuseppina Annicchiarico (figlia di un maestro torniante) nacquero Francesco Giuseppe (1955), Maria Antonietta (1957), Antonio (1964), quest'ultimo oggi continua la fortunata tradizione; attualmente nella bottega La Grotta si producono oggetti di pregevole fattura, pubblicati sulle migliori riviste di oggettistica d'arte. Ha partecipato in varie mostre nazionali ed estere ed è stato premiato in varie occasioni, proiettando lo stile particolarmente ricercato verso una clientela sempre più esigente e selezionata.
 
 
Ceramiche LA GROTTA - Via Leone XIII, 9 - tel. 099/566.16.32 - Grottaglie (TA) Italy
email: info@ceramichelagrotta.com